Il povero Piero

Oblò annerito
dal quale s'affaccia
gioacchinomariaspinozzi

  • Nome:

    lunedì, settembre 06, 2004

    Letto or non è guari - IL CODICE DA VINCI



    Ho letto (dopo il libro) pareri di ogni tipo sul medesimo.

    A me sembra davvero un libro ben costruito.
    L'ottima gestione delle unità di tempo, luogo e azione avvince il lettore e lo induce a girare le pagine senza fermarsi (l'ho letto in due giorni...).

    Non sarà da Nobel, ma e' un best seller di ottimo livello; quanto ai contenuti teorici, ovviamente rappresentano poco più che un divertissment, da non sopravvalutare.

    Gli scrittori italiani (parecchi, almeno) dovrebbero studiarselo accuratamente.

    4/5

    In breve, per chi non lo sapesse, ecco di cosa tratta (by IBS):
    "Parigi, Museo del Louvre. Nella Grande Galleria, il vecchio curatore Saunière, ferito a morte, si aggrappa con un ultimo gesto disperato a un dipinto del Caravaggio, fa scattare l'allarme e le grate di ferro all'entrata della sala immediatamente scendono, chiudendo fuori il suo inseguitore. L'assassino, rabbioso, non ha ottenuto quello che voleva. A Saunière restano pochi minuti di vita. Si toglie i vestiti e, disteso sul pavimento, si dispone come l'uomo di Vitruvio, il celeberrimo disegno di Leonardo da Vinci. La scena che si presenta agli occhi dei primi soccorritori è agghiacciante: il vecchio disteso sul marmo è riuscito, prima di morire, a scrivere alcuni numeri, poche parole e soltanto un nome: Robert Langdon. Parigi, Museo del Louvre. Nella Grande Galleria, il vecchio curatore Saunière, ferito a morte, si aggrappa con un ultimo gesto disperato a un dipinto del Caravaggio, fa scattare l'allarme e le grate di ferro all'entrata della sala immediatamente scendono, chiudendo fuori il suo inseguitore. L'assassino, rabbioso, non ha ottenuto quello che voleva. A Saunière restano pochi minuti di vita. Si toglie i vestiti e, disteso sul pavimento, si dispone come l'uomo di Vitruvio, il celeberrimo disegno di Leonardo da Vinci. La scena che si presenta agli occhi dei primi soccorritori è agghiacciante: il vecchio disteso sul marmo è riuscito, prima di morire, a scrivere alcuni numeri, poche parole e soltanto un nome: Robert Langdon. "